Notturni

Una fermata di autobus per viaggiatori senza meta, dialoghi tra evangeliche vergini sagge e vergini stolte, mariti che tornano da luoghi lontanissimi e mariti che vanno in luoghi lontanissimi, chiacchiere tra attori in cerca d’autore, ricordi di amori perduti come di spiagge e acque cristalline in mezzo alla campagna e tutto questo di notte dopo che il caldo del giorno ha mandato in fuoco i campi della pianura dove forse era coltivata della canapa indiana e quindi: sono visioni? è realtà? e quei dialoghi sui massimi sistemi?

Tutto si tiene di notte, tempo di paura e di attesa, di speranza e di sogno, tempo nel quale il filo di Arianna ha ambientato il suo ultimo lavoro teatrale nato dalla voglia di tornare a parlarsi dopo la notte, ahimè non finita, di questa pandemia.

Date dell'evento: 30/10/2021


da non perdere nei dintorni

Vivi e gusta
Scopri il territorio