Chiesa di San Giovanni Battista a Vigolo Marchese

Le prime notizie documentate si hanno a partire dal 1008-1012, quando i Benedettini fondarono la chiesa, dedicata a S. Giovanni Battista, il cenobio monastico e un hospitale per pellegrini incamminati sulla via Francigena.

Il toponimo “Vigolo” deriverebbe da vicus, che significa villaggio; “Marchese” dal titolo nobiliare del toscano Oberto II (975-1014), appartenente alla potente casata degli Obertenghi, da cui derivarono gli Estensi, i Pallavicino e i Malaspina. Sarebbe stato proprio Oberto, nel 1008, a fondare il monastero benedettino al quale donò in seguito la preziosa reliquia di Sant’Ippolito, per aumentare il prestigio del cenobio, che venne difatti posto sotto la giurisdizione della Santa Sede. Nel XVI secolo la chiesa divenne parrocchiale e l’hospitale per i pellegrini abbandonato.


Da vedere in questo luogo

da non perdere nei dintorni

Eventi
Gli itinerari consigliati per te
Vivi e gusta