Statistiche web

Quel che resta del presente

Quel che resta del presente”. Un concetto estrapolato da una frase della poetessa francese Marguerite Yourcenar considerato ideale dall’artista Gianluigi Colin per descrivere la mostra che verrà inaugurata ufficialmente venerdì 23 settembre dalle ore 17.00 nello spazio “Volumnia” all’interno della ex chiesa di Sant’Agostino

Colin - giornalista, critico e artista - in passato è stato art director del “Corriere della Sera”, attualmente è cover editor de “la Lettura” e de “la Lectura” de “El Mundo”, di Madrid. Colin racconta che una notte, passando proprio nella tipografia del Corriere della Sera, ha notato in un cesto della spazzatura dei drappi: “Erano bellissimi e ho subito pensato che potessero essere una metafora perfetta per quello che è il nostro tempo, cioè questo senso di pulizia delle notizie che è lo stesso procedimento che capita nella nostra memoria”. Da lì l’illuminazione che ha permesso di dare nuova vita a delle tele utilizzate per pulire le rotative.

Colin ha dato vita a una mostra interamente pensata ad hoc per gli spazi della chiesa, presentando due nuovi cicli di lavori molto diversi sul piano della rappresentazione, ma uniti dall’uso degli stessi materiali e dallo stesso linguaggio dell’astrazione. Complessivamente si tratta di 60 tele, alcune anche di grandi dimensioni, piu` una monumentale installazione nella navata centrale della Chiesa.

La mostra, curata da Achille Bonito Oliva e impreziosita dalle luci di Davide Groppi, sarà aperta al pubblico fino a sabato 19 novembre. La mostra si inserisce nel programma di XNL Aperto: progetto dedicato alle arti contemporanee nato dalla sinergia tra istituzioni pubbliche e soggetti privati del territorio piacentino.

Date dell'evento: Dal 23 settembre al 19 ottobre 2022


da non perdere nei dintorni

Vivi e gusta
Scopri il territorio